Category: Altro

Editoriale: un mese di goal.

Primo mese di goal, spettacolo ed emozioni regalato dalle squadre partecipanti al “The Cumshot Event”.

Come di consueto, ad aprire le danze sono state la serie A e la B1, in attesa di conoscere i ragazzi della B2 e le altre novità offerte dal mondo Omnia Event.

In serie A, dopo 6 giornate, le gerarchie sembrano già definite: a punteggio pieno con 18 punti, miglior attacco e seconda miglior difesa, anche quest’anno i Pentadicks sembrano intenzionati a dettar legge, stavolta senza aspettare le fasi finali.

Oltre al solito Meli, già capocannoniere con 15 reti, la squadra si giova del contributo di Marotta, poco presente la scorsa stagione, per tre volte migliore in campo.

La presenza costante dei soliti sei giocatori permette alla formazione dell’infortunato Mormile di trovarsi al meglio e giocare col pilota automatico inserito.

Alle spalle, tante buone squadre che si danno battaglia. Nel giro di quattro punti, troviamo cinque compagini, probabilmente quelle destinate a giocarsi i posti di vertice fino alla fine.

In crescita rispetto al 2012-13, gli All Rebounds si stanno affermando come una grande di questo torneo. Un anno in più ha probabilmente permesso di trovare l’amalgama giusta fra dei ragazzi che l’anno scorso, pur bravi tecnicamente, hanno faticato ad essere squadra. Una rosa ampia e con tante opzioni di qualità a disposizione, dai due Inguglia, passando per Gallo ed Enea, che farà divertire il pubblico.

Dopo un inizio sprint, in leggero calo i Galacticos, che aspettano il rientro di Biondo, assente da due match dopo 8 reti nelle prime 4 partite giocate.

In risalita dopo una stagione non troppo brillante i Deportivo Aperitivo, che si avvalgono di importanti rinforzi come Inga, Ippolito e Catuogno.

Affascina il nuovo corso dei Cumshot, che provano a sopperire all’assenza di Giarrusso diffondendo qualità per tutto il campo. L.Miceli è l’anima della squadra, ottimi gli innesti di Dabbene e G.Miceli, Lombardo è una garanzia. Traina, quando è presente, il valore aggiunto. Più corsa e sacrificio rispetto all’anno scorso, i primi risultati sono incoraggianti, con il primato della miglior difesa a testimoniare quanto la fisionomia di una squadra solitamente nulla in fase difensiva stia cambiando.

La matricola Chiquaritos si candida ad essere la rivelazione del torneo, grazie al determinante apporto di giocatori di esperienza come Cosentino e D’Arca, alla classe di gente come Di Stefano e Arlotta e a innesti importanti come quello di Li Vigni in difesa.

Aspettando i Casa Professa, con due incontri da recuperare, le altre non sembrano all’altezza delle prime.

I rinnovati Hubermensch, con tanti ragazzi che da anni giocano in questo torneo, si stanno riprendendo adesso dopo un brutto inizio. Le potenzialità sembrano essere buone, anche se la fase offensiva è forse troppo dipendente da Abbagnato(13 reti su 23 complessive).

Inizio incerto per i Predators, fermi a quota 6. Poco sopra, troviamo un’altra matricola come gli Schiaffa che prova a destreggiarsi con la nuova realtà.

Dovranno soffrire molto per evitare la retrocessione: Los Hombres, Strakatanka, Les Merengues e Bayern Forst, fino ad ora tutte a secco di reti e punti.

L’impressione netta è che, seppur dopo poche giornata, la classifica esprima già chiaramente i valori in campo.

A livello individuale, sono sempre i soliti a farla da padrone: Chiommino è in testa alla classifica portieri seguito dalla rivelazione dei Chiquaritos La Bruna, Urso e D’Arca svettano fra i difensori. La sopresa Bonura invece domina la classifica della fantasia, Abbagnato e Meli fra i bomber, in attesa di Biondo.

In serie B1, primo stop per la super favorita: i Real Ninetta di Giorgio Rausa. Dopo un inizio con 5 vittorie su 5, ieri la prima sconfitta ad opera dei Banalissimi. Dopo aver trionfato nel calcio a 7 la scorsa stagione, questi ragazzi appaiono comunque in grado di conquistare la promozione.

Le rivali più agguerrite sono: Maialissimi, Beta House e Banalissimi. Due new entries e una conferma, quella della compagine di Marranca e Giangiuli, ancora ad alti livelli dopo la promozione dello scorso anno.

Alle spalle delle prime quattro, nessuno sembra avere la continuità per competere fino in fondo.

Nelle retrovie, rischiano grosso Fenix e Masculazzi, pessimo inizio dei retrocessi Greenhouse che però hanno ampi margini di crescita.

Anche questa categoria offre importanti spunti tecnici. Brilla la stella di Miserendino dei Beta House, capocannoniere assoluto con 16 reti, giocatori come Marranca, Puglisi e Campagna offrono garanzie di tecnica e spettacolo.

Fra i difensori spicca Vernuccio dei Real Team, oltre al solito Giorgio Rausa. Primato indiscusso per Griffo fra i portieri.

Ma sono tanti i ragazzi che hanno le carte in regola per essere protagonisti: da Vitale a Guarneri, passando per il bomber dei Real Team Audino, a Vittorietti e Cassata fra i difensori.

Insomma, spettacolo assicurato anche in una serie B1, che è “B” solo di nome in quanto molte squadre appaiono in grado di reggere il confronto anche con le formazioni serie A, essendo in alcuni casi anche migliori.

Senza dimenticare poi la grande prerogativa del “Cumshot Event”: ogni squadra ha la possibilità di vincere fino alla fine giocandosi tutto nelle fasi finali per la conquista del trofeo e del premio. I verdetti del campionato possono anche essere sorprendentemente ribaltati.

Ai “ Campi del Sole” siamo solo all’alba di una grande stagione targata Omnia Event.

 

Alessandro Re